Osservazioni sulla bozza orario 2018-2019

Pubblicato Venerdì, 09 Novembre 2018 13:47
Visite: 1969

 

 

La nuova bozza di orario 2018-2019 ha riservato spiacevoli sorprese.

Innanzitutto la tempistica in cui ci è stata consegnata. Siamo passati dall’entusiasmo della prima convocazione a Luglio, alla delusione di questa convocazione che arriva a meno un mese dall’entrata in vigore del nuovo orario, consapevoli che RFI difficilmente modificherà le tracce entro questo mese.

Rifiutiamo il solito piatto già pronto. Non erano queste le premesse di questa nuova era ferroviaria in Sicilia.

 

In particolare:

 

-          Dov’è finito il prolungamento della metro, alcune corse, a Termini e in estate a Cefalù?

-          Siamo rimaste a 2 corse l’ora. Non crediamo il CDS preveda questo.

-          Dopo la riduzione dei Termini ogni mezz’ora temporanea , si era promesso il ripristino, crediamo non più rimandabile.

-          Il Sant’Agata di conseguenza non dovranno più fare le fermate “locali” da Termini a Palermo.

 

-          Vanno garantite le coincidenze con la metro.

per esempio la metro arriva a Palermo Centrale al minuto .53 mentre i treni per Termini Imerese

partono con cadenza .49, oppure i treni n. 26495 e 26497 arrivano a Palermo Centrale 7.37 ed 8.37 mentre la metro parte .35.

-          Non è ammissibile che le metrò arrivino a Palermo al minuto .53 e i treni per Termini al minuto .49…

-          L’anno scorso si erano riprogrammate pesantemente le tracce orarie, in vista della riapertura, poi saltata, del passante. Ci siamo ritrovati con tutti i treni in partenza da Palermo C.le ,escluso passante, nella fascia .30 - 00. Ciò comporta oltre mezz’ora di attesa per chi volesse partire nella fascia 00-.30.

 

-          Non è più rinviabile, visto l’investimento infrastrutturale, la fermata del 3771 a Lascari.

 

-          Sarebbe auspicabile anche la fermata del RV Palermo-Messina delle 16.33 a Campofelice.

 

-          Dov’è finito il “memorario”, su cui abbiamo lavorato con Trenitalia per mesi, attuato con tanta fatica e poi smembrato?

-           

 

 

-          Non si capisce come ancora oggi il doppio binario da Centrale a Orleans non venga attivato, doppio binario che porterebbe benefici alla circolazione enormi.

-          Ci aspettavamo una netta riduzione dei tempi di percorrenza sia sulla Palermo-Punta Raisi, media 30 Km/h, sia sulla Cefalù-Palermo, viste le nuove infrastrutture veloci.

-          E’ assurdo che per esempio il Sant’Agata delle 17.38 arrivi a Cefalù dopo 56 minuti, mentre negli anni precedenti si attestava  sui 48 minuti.

-          Non dobbiamo permettere che le nuove infrastrutture siano state uno spreco di risorse.

-          Bisogna reinserire un Palermo – Messina alle 10.33 e alle 12.33, non è ammissibile il buco dalle 8.33 alle 14.27!!!!

-          Il 12721 DEVE arrivare a Palermo entro le 9.00 come era prima.

-          Chiediamo di anticipare il 12763 Messina – Sant’ Agata  di 15 minuti

-          Proponiamo il ripristino del treno 12715 con arrivo  a Patti nella fascia oraria dalle 17.10 alle17.30, come era prima.

-          Il RV 3783 deve espletare servizio anche feriale non solo festivo.

-          Diminuire l’attesa a Sant’Agata per chi proviene da Palermo o da Messina e deve proseguire cambiando treno.

 

-          Ovviamente è possibile ridurre i tempi di percorrenza del passante  a 45 minuti per i veloci e 58 minuti per i lenti. (Nota che presenteremo alla riunione).

-          Vanno tagliate le assurde attese a Notarbartolo e Orleans.

 

-          Ad esempio un Punta Raisi arriva e riparte  a/da  Lolli al minuto 04/05 e da Orleans 14/15. 10 minuti!!! Assurdi!!!

-          Va spostata la partenza da Punta Raisi di almeno 7 minuti con passaggio a Notarbartolo al minuto 07/08 eliminando l’attesa a Orleans e favorendo i pendolari da Notarbartolo.

-          Va potenziata la fermata di Torre Ciachea, almeno negli orari di punta.

Più fermate delle corse DA PALERMO nella fascia 8:00-10:00 (12681, 12679)

      Più fermate delle corse PER PALERMO nella fascia 16:30-18:30 (12694, 12696, 12698)

-          Fare fermare a Piraineto tutti i treni da e per Punta Raisi, come del resto già avveniva prima della chiusura della tratta ferroviaria.

-          Far fermare in tutte le stazioni tutti i treni che arrivano a Palermo Centrale nella fascia oraria compresa tra le 7:00 e le 9:00 (treno 26732 e 12676).

-           

-          Fare fermare in tutte le stazioni i treni per Punta Raisi nella fascia oraria di rientro del maggior numero di studenti dalle scuole o Università e quindi anche i treni 12691 e 12693 con partenza da Palermo Centrale rispettivamente alle 13:35 e 14:35.

-           

-          Inserire dei treni da Piraineto in direzione Trapani tra quelli delle 11:25 e 17:17 al fine di garantire agli studenti un rientro in tempi ragionevoli (attualmente il primo treno utile da Piraineto è appunto il 26611 delle 17:17). Sarebbe opportuno avere il proseguimento dei treni  

21319 e per il 21323 con arrivo a Piraineto rispettivamente 14.12 e 16.12

 (Vedi proposta Allegata, basta una 668 per attuarla).

-           

-          Aumentare il servizio offerto per la tratta Piraineto - Trapani, assicurando coincidenze più efficaci che garantiscano, almeno ai paesi più prossimi a Piraineto, l’arrivo a Palermo Centrale       in diversi orari compresi tra le 7 e le 9.

-          Fare fermare il treno 26653 anche a Cinisi Terrasini.

-          Prevedere nei giorni festivi la partenza di treni nella prima mattinata (7:00 o 7:30) e far fermare tutti i festivi in tutte le stazioni o almeno a S.Lorenzo.

 

 

 

 

Giacomo Fazio

Presidente Comitato Pendolari Sicilia

Ciufer

Patto Pendolari Italiani